Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: scopriamoli!

Amore e Psiche: uno dei mosaici meglio conservati della Villa Romana del Casale - foto da wikipedia

Un patrimonio artistico senza uguali, uno dei 10 siti UNESCO della Sicilia, un luogo magico che trasporta indietro nel tempo di quasi due millenni… seguitemi!

Villa Romana del Casale: il dove e il cosa

Questa splendida Sicilia è quasi un continente ricco di popoli, gusti, natura, sensibilità dove tutto si dilata all’infinito. Una terra dolce e aspra, morbida e ruvida, luminosa e velata: un mondo pieno di arte e storia. Ed oggi vi porto con me in uno dei luoghi veramente unici dell’isola. Sto parlando della spettacolare Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: scopriamoli!

Villa Romana del Casale dista pochi chilometri da Piazza Armerina
Piazza Armerina è una Città d’arte con un interessante centro storico normanno e barocco

Intanto definiamo dove siamo: eccoci in provincia di Enna nel cuore dell’Isola e a pochissimi chilometri da Piazza Armerina. La città è sede di vescovado con un’estesa diocesi e sorge su un’altura dei monti Erei meridionali a circa 700 m d’altitudine. Ha un impianto medievale con un pregevole centro storico normanno e barocco che la rende Città d’arte tanto da essere già definita Urbs Opulentissima. Oltre che per la manifestazione chiamata “Palio dei Normanni”, tra le più antiche in costume in Italia che celebra Ruggero d’Altavilla che cacciò via nel XII secolo i Saraceni, è nota come la “Città dei Mosaici”. Sul suo territorio si trova infatti la Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici che dal 1997 sono uno dei 10 siti UNESCO della Sicilia.

Si tratta di un edificio abitativo tardo antico che in verità per molti studiosi non rispecchia del tutto i caratteri della villa romana extraurbana quanto piuttosto quelli di un palazzo urbano prestigioso. La “scoperta” della villa si deve a Gino Vinicio Gentili che nel 1950 iniziò gli scavi in seguito alle segnalazioni degli abitanti del posto. Il suo primo assetto museografico lo dobbiamo invece all’impegno dell’architetto Francesco Cappellani. Vari curatori e supervisori si sono quindi succeduti tra cui recentemente il notissimo Vittorio Sgarbi.

Parliamo un po’ della storia e a chi appartenne

A che epoca risale la costruzione di questo eccezionale complesso? Gli esami sulle murature hanno datato la villa e i mosaici stessi a una successione di tempi che va all’incirca dal 320 al 370. Inoltre a conferma c’è da dire che dopo secoli di incuria la Sicilia rurale entrò in un nuovo periodo di prosperità proprio agli inizi del IV secolo. Difatti solo allora i ceti più abbienti cominciarono ad abbandonare la vita urbana per ritirarsi nei propri possedimenti in campagna. Qui si occupavano personalmente delle proprie terre coltivate non più da schiavi ma da coloni. E qui, come sempre storicamente è avvenuto data l’innata vanità mista a saccente orgoglio delle classi agiate, spesero enormi somme di denaro per ingrandire ed abbellire le loro residenze.

Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: scopriamola!
La ricostruzione del complesso della Villa Romana del Casale tratta dal sito di Jean Claude Golvin

Contrariamente a quanto prima ipotizzato si ritiene oggi che la Villa di Piazza Armerina non fosse una residenza imperiale. Infatti il possesso di dimore sontuose e di rappresentanza era un fenomeno molto diffuso nell’alta aristocrazia romana. In più le tematiche dei mosaici si inseriscono proprio nel quadro dell’aristocrazia senatoria pagana degli inizi del IV secolo.
A lungo si è cercato di rintracciarne il proprietario che adesso si considera Lucio Aradio Valerio Proculo Populonio governatore della Sicilia e console tra il 327 e il 340. Un elemento a suo favore sono i giochi che aveva organizzato come pretore a Roma nel 320 che furono così imponenti da creare intorno a lui grande fama. Forse le raffigurazioni di alcuni mosaici della villa come la “Grande Caccia” e i “Giochi del circo” intendono richiamare questo evento.

Quindi trattiamo della struttura e dell’architettura

Ma come è composta questa sontuosa villa? Tra i resti si individuano ben quattro nuclei separati ma in stretta connessione di luogo e di funzione. Dapprima incontriamo un ingresso monumentale a tre arcate con cortile a ferro di cavallo quindi il corpo centrale della villa con una corte a peristilio quadrangolare dotata di giardino con vasca al centro. Poi accediamo in un vasto spazio preceduto da un peristilio ovoidale circondato a sua volta da un altro gruppo di vani e poi incontriamo il complesso termale. Una tipologia siffatta, riscontrata in un’altra villa siciliana presso Noto, ha precise corrispondenze in ville africane e pare avere come modello originario la villa Adriana di Tivoli.

Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: scopriamola!
Una piantina che illustra le differenti aeree di fruizione della maestosa Villa Romana del Casale

L’unità progettuale della costruzione è testimoniata dalla funzionalità dei percorsi interni e dalla suddivisione tra parti pubbliche e private. Oggi molti studiosi tendono a credere ad una durata corta dei lavori stimata in circa un decennio al contrario di quanto ritenuto in passato. Gli scavi hanno portato alla luce anche due acquedotti usati per l’approvvigionamento delle fontane, dei servizi e del quartiere termale. Si ipotizza anche che una dimora di questo genere dovesse comprendere altre costruzioni marginali e perciò sono ora in corso diverse campagne di scavi.

Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: scopriamoli!

Costruita come abbiamo detto nel IV secolo in parte su un insediamento pre-esistente del II secolo la struttura è indubbiamente una delle più ampie e lussuose ville del mondo romano. I suoi mosaici sono acclamati come i più belli in situ di tutto il mondo romano e come eccezionali per qualità artistica e creatività nonché per estensione. Prepariamoci ad ammirare più di 60 ambienti dei quali ben 42 pavimentati con mosaici policromi che coprono una superficie di 3.500 mq!

Particolare delle Palestrite
Un particolare dei mosaici della stanza delle “Palestrite” più note come le “Ragazze in bikini”! – foto da wikipedia
Particolare della grande caccia
Un particolare dall’immenso mosaico della “Grande Caccia” lungo ben 66 metri per 5 di larghezza – foto da wikipedia

I mosaici in assoluto rappresentano la vera ricchezza della Villa del Casale. Risalgono al periodo d’oro dell’arte del mosaico e sono opera di artisti Nord Africani seppur di scuole e tecniche diverse. Possiamo ammirare differenti stili e cicli narrativi: uno dedicato alla mitologia e ai poemi omerici, l’altro con riferimenti alla natura e a scene di vita quotidiana dell’aristocrazia romana. Le immagini raffigurate sono una vivente testimonianza della civiltà romana in diversi settori: economia, religione, politica, famiglia e cultura.

Da Omero: Ulisse e il Ciclope
Dal ciclo narrativo omerico ecco il mosaico “Ulisse ed il Ciclope” qui rappresentato con tre occhi! – foto da wikipedia

Durati anni nel 2012 si sono conclusi imponenti lavori di restauro per cui tanti sono oggi gli ambienti visitabili: non perdeteveli! Ve li ricordo: la zona delle terme; la corte porticata d’ingresso e l’arco onorario; il vestibolo e il porticato del peristilio; gli ambienti di servizio, tra cui la stanza della “Piccola Caccia”, il corridoio della “Grande Caccia” e la stanza delle “Palestrite”; gli appartamenti padronali settentrionali con il mosaico di Ulisse e Polifemo e la stanza con Amore e Psiche ( mosaici nella foto di copertina ) e quelli meridionali con il Mito di Arione e la stanza di Eros e Pan; il Triclinio e il portico; la Basilica.

Villa Romana del Casale ed i suoi mosaici: come visitarla

Dopo il lockdown dovuto come purtroppo ben sappiamo al covid-19 si è ripartiti con le visite ma con alcune restrizioni di numero. Vi consiglio quindi di informarvi per tempo consultando il sito ufficiale della Villa Romana del Casale e prenotandovi in anticipo.

Il giardino con la grande vasca racchiuso nel peristilio quadrato
Come si presenta oggi il corpo centrale della villa con una corte a peristilio e un giardino con vasca – foto da wikipedia

L’ingresso è comunque libero la prima domenica di ogni mese ed in occasione di particolari avvenimenti che troverete sempre on line. Vi ricordo tra questi l’8 marzo in occasione della “festa delle donne” ed il 10 marzo per “la giornata dei beni culturali siciliani”. Il biglietto di ingresso non comprende la visita guidata ma potete scegliere di contattare una guida accreditata. Una chicca: inoltre esiste un biglietto cumulativo per visitare entro i successivi tre giorni oltre la Villa Romana del Casale anche l’Area Acheologica di Morgantina e il Museo Regionale di Aidone. Ed un’altra: ecco un video che illustra la Villa edito da RAI Cultura col patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali a favore dei siti UNESCO.

Molto interessante vero? Ma non pensate che sia tutto qui! La Sicilia è questo ma anche molto altro: venite a scoprirla con le mille proposte di Dimensione Sicilia per un viaggio su misura. Vi ricordo gli Eco tour in auto elettriche al 100% green! Sono itinerari personalizzabili per tempo e budget di 8 giorni nella Sicilia Occidentale e Orientale o addirittura di 14 giorni per chi vuole conoscere più a fondo l’Isola. Visiterete con tranquillità le più belle località e i 10 siti UNESCO della Sicilia tra le quali appunto la Villa Romana del Casale e i suoi mosaici. Oppure se volete gustare le bellezze dell’Isola con un tour senza pensieri scegliete tra quelli proposti da Sicilian Secrets che riprendono in piena sicurezza: partiamo!

Saverio Garufi

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *