Tocca le corde dell’anima…. è Taormina!

TaorminaDall’alto, dal Monte Tauro, i siculi osservavano quella baia dove, alle foci del fiume Alcantara, i greci fondarono Naxos, la prima colonia greca della Sicilia.  Presto sarebbero anche arrivati li sù…

Sospesa su quel colle, fortificato per natura, tra il blu del mare e del cielo, è Taormina.

Ha ispirato artisti di ogni genere, scrittori, pittori e cantanti ed è stata set cinematografico per molti film.

E’ la bellezza della sua lunga e intrigante storia, del seducente scenario naturale che la circonda, dei suoi incantevoli scorci; sono i colori e i profumi dei suoi fiori.                                   E’ guardare la riviera ionica dalla sua terrazza ammirando l’Etna sullo sfondo; sono le sue luci al calar del sole.

Gulf_of_Naxos_(night)_seen_from_Villa_Diodoro_-_Taormina_-_Italy_2015_(2)-3

Un’ atmosfera incantata che non può non toccare le corde dell’anima. Non si può non ascoltare tutto ciò che questa meraviglia suggerisce e lasciar che sia lo stupore, in quel momento, quando si è lì, sospesi tra mare e cielo, a guidare le proprie emozioni e da esse farsi trasportare…

E’ quello che è successo al carismatico artista britannico, Mark Knopfler, fondatore dei Dire Straits, quando quell’affascinante cornice del Teatro Greco brulicava di gente per un suo concerto; era il 2013.

“Light of Taormina” dell’album Tracker, uscito nel marzo 2015, è nata proprio così. Ad averlo ispirarato le emozioni di quel luogo. A fine concerto rimase ad osservare il panorama dal balcone del suo hotel, lo stesso dove qualche anno prima si era trovato anche Bob Dylan.

Una stupenda ballata che parla dell’ amore, purtroppo finito, tra due giovani; un amore che lui ricorda con malinconia e tutto il pensiero è per quella donna. Forse in un’altra vita riusciranno a ritrovarsi.

Ascoltare questa canzone e immaginare proprio di essere lì, in una fresca notte estiva, a guardare le sbrilluccicanti luci della bellissima Taormina e a lasciarsi inebriare da quei ricordi che non si vogliono dimenticare!!!

 

 

« Molte delle mie composizioni sono nate nei luoghi che frequento abitualmente. L’ispirazione non è qualcosa che puoi avere se stai chiuso in casa oppure vai in giro con sei guardie del corpo: quello non è vivere. »  (M.K.)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *